Soda e Caustica. Il blog politically Incorrect

L’intellettualismo alternativo

Sono ovunque. La loro missione è sempre la stessa: quella di rompere i coglioni dall’alto della loro spocchia. Con lo sprezzo per il denaro salvo poi avere addosso capi griffati e l’iPhone dell’ultima generazione. La carta cinema giocata di mercoledì, con annessa scelta di pellicola indipendente di un regista turco pressoché sconosciuto. I radical chic sono in ogni dove, ci circondano e come al solito riversano colpe sugli altri col ditino moralizzatore. Con la ricerca spasmodica dell’originalità rispetto alla massa ignorante e grezza. Il cerebralismo retrò permeato da citazioni colte, look finto trasandato, bicicletta opportunamente sostituita alla macchina che “inquina” e una dissimulata ossessione pseudo elegante orientata verso il fatto di essere raffinati. Il loro imperativo è non ostentare, perché fa cafone. Meglio la rassicuranza del cachemire che sfiora i 3000 euro. Meglio la cultura biologica del coltivato a km 0 , salvo poi essere reperito guidando per 20 miglia recandosi dall’altra parte della città. Meglio il pane di Kamut , rigorosamente a 7 euro al kg.
Tendenzialmente benestanti, benpensanti, si schierano perlopiù con tutto ciò che è controcorrente.

Pseudo dandy ipocriti che cercando costantemente di farti sapere la partecipazione a un “reading” e vanno volentieri a vedere la mostra di un artista contemporaneo newyorkese. Uno di quelli che piazzano su una tela dei colori messi alla cazzo e la spacciano per arte originale. Che tu la guardi e trattieni il reflusso gaestroesofageo.
Sempre schierati – teoricamente- dalla parte degli oppressi, contrari agli stereotipi, scontati come la vittoria calcistica del Brasile sull’Uganda, il radical chic possiede il suo centro onanistico nella libreria. Tomi di Bakunin e di sconosciuti autori uzbeki che si intrecciano a trilogie di Kiesloski – che nessuno sa chi cazzo sia- assolutamente incomprensibili poiché ostentatamente tautologiche. Rigorosamente non letti. Fa figo sfoggiarne le copertine vintage dopo avere asserito come litania anti-sistema il fatto che “la cultura globalista sia aberrante”.

Gente con il vessillo della cultura che partorisce perle come “il terrorista Boko Haram” e il dittatore “Pyong Yang” salvo poi dare lezioni di geopolitica a tutto spiano. E dulcis in fundo, l’espressione multitasking “che tristezza” rivolta copiosamente a chiunque osi fare l’occhiolino a una cultura più mainstream. Femministe esasperate che si sentono in dovere di mortificare la propria sensualità con le Birkenstock e i maglioni oversize piazzati su orribili pantaloni dal cavallo basso con il risvoltino alla caviglia. A completare una sciarpa molto ampia e borsa rigorosamente tracolla stile postino
naturalmente – e coerentemente, visto anche il matrimonio con la causa animalista esotica avallato dalla petizione firmata contro la caccia al leopardo di Amur- in pelle. In genere, queste donzelle a cui rode il culo, odiano il concetto di biologia. Fatevene una ragione. Sebbene le sovrastrutture socio-culturali siano elementi importanti nella variabile accoppiamento, c’è qualcosa che si chiama chimica. Ed è imprescindibile. E soprattutto, non c’è niente di male a curarsi anche per piacere all’altro sesso. Che il fatto che coltiviate le liane nella zona pubica o ascellare, con conseguente ribrezzo da parte maschile in una
eventuale copula, non fa di voi delle “controcorrente”, ma delle sfigate anti-erezione. Diciamolo. Punto. Senza “se” e senza “ma”. Stessa cosa per la variante maschile con camicetta alla coreana piazzata immancabilmente sulla giacca di velluto a costine esibita fieramente anche in spiaggia e immancabili mocassini o Clarks come vezzo appena accennato di ricercatezza e stile. Siete tutto ciò che fa a botte con il fascino.

E con la coerenza. Avete fatto del politically correct acritico la vostra fottutissima , mediocre copertina di Linus.
Valentina

Soda e Caustica: Il blog politically correct

VERITA’ PUTTANA.

/
1 commento
  1. sasabrogna
    sasabrogna dice:

    bel rassemblement dei vari tipi di radical chic….dalla pseudo intellettuale “pompata” e “raccomandata”della Grande Bellezza di Sorrentino ai nostri rivoluzionari da pub… i piu’ deleteri, proprio per la sinistra.
    p.s. Le femministe frustrate incapaci di ammettere la componente erotica dell’esistenza… “pittate”

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *