Una tradizione da eliminare: l’addio al nubilato

C’è una tradizione che andrebbe eliminata: l’addio al nubilato.

La sempreverde “costumanza” è il riassunto in nuce di ciò che riguarda l’antropologia femminile media. Vediamo di andare subito al dunque.

È una serata che dovrebbe essere spensierata e giocosa perché il leitmotiv è costituito da un tripudio di piselli in tutte le salse: cazzi di gomma, falli di plastica, prepuzi esagerati, cazzetti di pasta, vibratori, oggetti del sexy shop e ultima ma non meno importante la torta a forma di pene con immancabili peli al cioccolato come tocco di classe.

In più, a seconda della temerareitá delle amiche, c’è lo spogliarello di omoni palestrati che dovrebbero deliziare vista e tatto delle dolci, romantiche donzelle nonché della romanticona che sta per mettere la fede al dito. Adesso, tutto ciò, appunto, dovrebbe essere spensierato e gioviale e generare grasse risate prima dell’inizio di un nuovo cammino molto più impegnativo: l’età adulta.

A me l’addio al nubilato mette tristezza.

Cioè, vedere un branco di pseudo-arrapate che hanno un picco di progesterone per oggetti fallici in plastica e simili e gridano come deficienti per sussulti ormonali generati da uno strip-tease è quanto di più volgare, mediocre, medio-borghese, triste e limitato possa esistere.

Un bel culo femminile in perizoma giustifica maschi con la bava alla bocca (sebbene l’esagerazione sia sempre deprecabile), un culo maschile anche se ben fatto, no. Il corpo femminile può anche solo essere deputato al concetto di ammirazione, quello maschile di meno.

Gli uomini hanno una sessualità spiccatamente visiva e dividono. In genere le donne no ( ovviamente con le dovute eccezioni). Quindi , soprattutto tu che ti sposi e il giorno dopo sembri una moderna Desdemona, tu che ti spacci per sognante e metti in scena la farsa dello spogliarello in cui l’epidermide trasuda passionalità traboccante, tu che fai la trasgressiva pensando che sia controcorrente imperniare una festa su un concetto di pisello morboso e volgare; perché non te lo vai a scopare davvero uno sconosciuto aitante visto che ciò che seguirà al tuo meraviglioso giorno da favola sarà avere a che fare con un marito appesantito e annoiato che nella maggior parte dei casi vorrà scopare tutte tranne te che lo aspetti a casa coi bigodini e il dentifricio sui brufoli?

Valentina

VERITA’ PUTTANA.

/

Senilità sul web

/
soda e caustica blog
sodaecaustica il blog politically correct
Anno nuovo: la fallacia dei buoni propositi
Noi, quelli che...Fantaghirò
The Great Gig in the Sky, ovvero l’orgasmo del Rock
Capitolo horror: la pizza di classe
Soda e caustica il blog politically correct
Sodaecausticablog Il blog politically correct
Sodaecausticablog Il blog politically correct

Non ti amo più

/
Sodaecaustica. Il blog politically correct
Soda e Caustica. Il blog politically correct
Soda e Caustica. Il blog politically Incorrect

Le FIGHE ODIERNE

/
Soda e Caustica. Il blog politically correct
Soda e Caustica. Il blog politically Incorrect
Soda e Caustica. Il blog politically Incorrect
Soda e Caustica. Il blog politically Incorrect

Il piano B

/
Soda e Caustica. Il blog politically Incorrect
Soda e Caustica. Il blog politically Incorrect
Le mamme social
Resoconto di un’illusione perpetrata per generazioni:
L’eternità di un attimo condiviso
Soda e Caustica. Il blog Politically Incorrect
Soda e Caustica. Il blog politically Incorrect
Soda e Caustica. Il blog politically Incorrect
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Soda e Caustica: Il blog politically correct